Pordenone giovani educazione il13 scuola

Bullismo a Torre

  • Scritto da

    Francesco Saitta

Condividi

Emergenza bullismo Pordenone: Francesco Saitta (Pd), situazione fuori controllo serve intervenire subito

PORDENONE 10.09.21 « La situazione del gruppo di bulli che imperversa a Torre, nonostante i ripetuti allarmi lanciati dai cittadini del quartiere, sta letteralmente sfuggendo di mano all’amministrazione comunale di Pordenone». Lo afferma il vicesegretario provinciale del Partito Democratico Francesco Saitta a seguito del perpetuarsi di situazioni di grave disagio a Torre.

«È in atto una vera e propria emergenza educativa – ricorda Saitta – che investe le fasce più giovani della popolazione, una situazione naturalmente fortemente interconnessa alle conseguenze sociali della crisi pandemica. È la punta di un iceberg che interessa tutta la città e che necessita interventi strutturali comunali e non semplici azioni di monitoraggio. I ragazzini che infastidiscono e molestano non hanno bisogno di una repressione sporadica da parte di polizia locale o steward urbani, ma di un gruppo di educatori di strada come previsto nel programma di coalizione che sostiene Gianni Zanolin, integrato alle strutture sociali comunali, che da una parte fermi i comportamenti di disturbo e dall'altra agisca sulle loro cause, facendo così il bene del quartiere e delle famiglie che lo frequentano, ma anche quello dei ragazzi coinvolti».

Inoltre aggiunge Saitta: « Una rete che deve coinvolgere necessariamente anche la scuola, intesa come luogo cardine per aprire spazi di confronti anche fra docenti ed operatori sociali. Nella scuola serve investire per creare spazi di confronto tra docenti e operatori sociali. Non stiamo vivendo un momento qualsiasi, stiamo uscendo da un periodo complesso che ha forti strascichi educativi, servono politiche attive e attente per salvaguardare tutti, famiglie ed adolescenti. È lampante che questa problematica non è in testa alle priorità di questa Amministrazione comunale ».